14.02

Quando ero bambina a scuola, il giorno di San Valentino i miei compagni recitavano una filastrocca oscena, che mi buttava addosso sempre una gran tristezza.

La filastrocca, più o meno dal poco che ricordo, recitava così:

San Valentino, la festa di ogni cretino
che crede di essere amato e invece è stato solo fregato.

Quel cinismo mi riempiva di un’angoscia densa e nera, perché sotto sotto ero (e sono) di spirito romantico e positivo.
Non accettavo una cosa del genere, mi rifiutavo di pensare che l’Amore fosse qualcosa di negativo e doloroso e quindi mi chiudevo in una specie di autismo ogni volta che qualcuno provava a intonare quella cosa o parlava di San Valentino.

Ora da “grande” (si fa per dire) ho imparato che l’Amore si dipinge di tanti colori, anche freddi e infelici e credo che non esistano né cretini né fregati. Esistono sì, gli amori duri, i cuori spezzati;le lacrime;i cassetti chiusi, incendiati e lasciati lì a bruciare, ma non mi rassegno all’idea che l’Amore riempia il cuore di una felicità disarmante.

Perché la sensazione di sentirsi amati e di amare, a prescindere dai rapporti di coppia, va preservata come fosse il Santo Graal, non soltanto oggi ma tutti i giorni. Questo è, per me, San Valentino, la consapevolezza che si raggiunga un bene comune attraverso una gioia che parte dal profondo dell’anima.

Tutti percepiscono il bisogno di sentirsi felici, e la felicità dipende molto dall’essere innamorati e dal sentirsi amati. Le giornate sarebbero migliori se le persone abbandonassero un po’ di cinismo e si aprissero un po’ di più, anche agli errori, al perdono e alla semplice gentilezza.

Da inguaribile romantica vedo nell’amore una specie di cura, e vanno bene anche quegli amori infedeli, ossessionati, deboli, drogati, corrosivi, basta che non diventino marci, perché il marcio, purtroppo, conduce all’odio.

P.S. Su Facebook, oltre al delirio cuori-amori-fiori-tantecosebelle VS sanvalentinodemecoglioni-abbassoilconsumismo-magnateliteibaciperugggina; ho letto una frase che mi ha fatto pensare perché si focalizzava sul fatto che è difficile riuscire ad ammettere di amare qualcuno.
E abbandono questa giornata con un dubbio: perché dobbiamo rifugiarci costantemente nella paura?

2 pensieri riguardo “14.02

  1. Profondissime riflessioni. Porto con me due tue frasi:
    – Le giornate sarebbero migliori se le persone abbandonassero un po’ di cinismo e si aprissero un po’ di più, anche agli errori, al perdono e alla semplice gentilezza.
    – perché dobbiamo rifugiarci costantemente nella paura?
    Grazie per lo spunto …

    Mi piace

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.