Il loop vertiginoso della dipendenza

Ok.

Di solito va così.

Ti avvicini prudentemente. Diffidente, scostante.
La curiosità è tanta e provi.
Una volta, non farà mica male.
Non fa male, tutt’altro.
E arriva la seconda, la terza e senza che te ne rendi conto quarta e quinta, quasi contemporaneamente.
Finché non ne puoi fare a meno. Per giorni, continui.
Non pensi ad altro, ti svegli, cammini, torni a casa, e non fai altro.
Ti riempe l’esistenza e sai che prima o poi inizierai ad odiarla, perché sei succube e non riesci a smettere.
Allontani il pensiero, ma rimbomba nella tua testa, sempre più forte e quindi ti lasci andare e ne abusi, tutto il tempo, tutto il giorno, finché non consumerà ogni singolo frammento del corpo e del cervello e si va in cerca di qualcos’altro, uguale, diverso, più forte.

Ecco.
Questo è quello che mi succede quando scopro che una nuova canzone mi piace e la metto in loop.

Immagine

Annunci

4 Replies to “Il loop vertiginoso della dipendenza”

  1. Mi è successo parecchie volte, soprattutto nell’ultimo anno. E qualche volta, quando provo a scrivere un post, il loop è continuo, incessante, ma voluto.
    Diventa come una sorta di droga che però devi riuscire a controllare, sennò ti distrugge i neuroni, ti consuma, ti stanca. …almeno fino a che non scendi dalla macchina, non spegni il pc o… ti si scaricano le batterie dell’ipod!!! 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...