Lo Hobbit e la Desolazione di Smaug, secondo me

Il film è indubbiamente spettacolare, gli effetti speciali sono mozzafiato, anche se non sono riusciti a mascherare i 12 anni in più di Orlando Bloom (ma si sa, il tempo non è facilmente ingannabile) e la trama, malgrado l’invenzione di Tauriel, è molto fedele al libro.
Stavolta, però, caro P.J., devo dirti di no.

Il film è indubbiamente lento, soporifero e lungo. TROPPO.

Perché di un libricino da 300 pagine, ne hai dovuto tirare fuori TRE film?

Lo so che sei una macchina da soldi e che ti piace tanto guadagnarli, ma i 7000 oscar che hai conquistato non ti bastano? O hai un morboso attaccamento al numero 3?

Io sono più che felice di lasciarti i miei soldi, ma stavolta un po’ ci rosico.

E soprattutto devo confessare che io, forse era la stanchezza, forse l’orario, ma gli ultimi 10 minuti del film ho dormito! Mentre Smaug (povero drago, anch’io mi incazzerei in quella maniera se arrivassero dei ladri a 1- svegliarmi 2- derubarmi!) faceva un casino assurdo, io chiudevo gli occhi,  e non mi è mai capitato, finora, di addormentarmi al cinema.

E credo che sia una forte delusione, sia per te, che per me, caro P.J.
Per me, perché significa che ero cotta, sì, ma che il film mi ha cotto ancora di più invece di mantenermi attenta e vigile.
Per te, perché penso che l’effetto soporifero del film sia una delle cose peggiori che possano capitare ad un regista.

Una cosa buona te la dico: bella prova, sei sempre eccellente, a livello registico puro; sei tu il vero Drago.
Ho adorato la foresta allucinogena, il razzismo degli Elfi, Bard, ma soprattutto Smaug, la sua voce e l’effetto “sputa-fuoco”!

E tanto la storia la sappiamo tutti: vince Bilbo. 

Torna a casa, cambiato dal viaggio e dall’anello (che custodisce nel taschino per decenni), e diventa un misantropo di proporzioni galattiche, fattone, che sogna avventure crescendo un nipote squilibrato tanto quanto lui, che si ritrova a combattere contro un destino, peggiore di quello dello zio!

Peter, perché ci costringi a questa lenta, lentissima agonia invece di riservarci una giusta morte veloce e indolore?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...